E’ una donna di classe, raffinata ed elegante Chiara Pavoni. Talentuosa attrice sia di teatro sia di cinema, è ora protagonista della pellicola Mondo Folle di Fabio Del Greco, disponibile, come vi abbiamo già accennato alcuni giorni fa, gratuitamente su YouTube.

Chiara, parliamo di follia, ne esiste una sana?

mondo folle film protagonista chiara pavoni
Chiara Pavoni : Intervista

mondo folle film gratis su youtube con chiara pavoni
Intervista a Chiara Pavoni : film Mondo Folle

Sì e credo che possa definirsi tale se un artista – per esempio- sceglie di sovvertire e di giocare in continuazione con le regole sociali, esistenziali e artistiche. Infatti credo che è solo varcando i limiti che si possa trovare la vera arte. Non per nulla sono il rischio e il gioco le chiavi per accedere alla via della creazione.

Ma quando diventa malata?

E’ malata quando va a creare un disequilibrio nella vita delle persone. Diciamo che troppa ambizione, troppo egoismo, troppo materialismo e troppo opportunismo non rendono più felice l’ anima di chi rincorre in qualunque modo il successo e il denaro.
La follia cresce nel vuoto interiore che solo l’ amore per se stessi e per gli altri può colmare.

La figura del vero artista : Chiara Pavoni ne parla nell’intervista per Gentevip

Ritorniamo a parlare della figura dell’artista… E’ davvero pazzo?

Guarda, io non condivido affatto l’ idea dell’artista che tende ad esaltarsi con droghe chimiche e compagnia bella. Secondo me la vera droga di un artista è la gioia di compiere bene il suo lavoro in armonia con se stesso e con gli altri.

Oltre a ciò quali caratteristiche deve possedere un vero artista?

La generosità, l’empatia, la curiosità e la dedizione al proprio lavoro.

E un bravo attore?

La mancanza di egoismo è il primo passo. Poi deve essere assolutamente collaborativo con le altre persone con le quali lavora. Infine deve essere abile ad annullare se stesso e le proprie emozioni per accogliere ed esaltare le caratteristiche del personaggio che sta ” indossando” in quel momento.

Tu quando hai capito di esserlo?

Oddio, diciamo che mi sforzo di donare una rappresentazione credibile del personaggio che mi è stato donato con tanto infinito amore.

Ma ora che sei un’ attrice affermata c’è qualcosa che rimpiangi di non aver fatto, magari uno spettacolo che non hai accettato?

Guarda, non so che cosa significhi essere un’attrice affermata ma ti posso garantire che non ho alcun rimpianto ma che -al contrario- sono piena di speranza.

LASCIA UN COMMENTO