Carlo Verdone e Paola Cortellesi sono stati gli ultimi protagonisti degli Incontri ravvicinati di questa decima edizione della Festa del Cinema di Roma. I due attori romani sono stati osannati dai fan sul red carpet che hanno manifestato un grande affetto nei loro confronti. Bellissimi ed elegantissimi, hanno ricambiato concedendosi con grande disponibilità e simpatia ai fotografi e ai giornalisti presenti, scambiandosi anche un affettuoso bacio.

Paola Cortellesi e Carlo Verdone sul red carpet del Festival del Cinema di Roma
Paola Cortellesi e Carlo Verdone

Paola Cortellesi e Carlo Verdone si baciano sul red carpet del Festival del Cinema di Roma

Paola Cortellesi e Carlo Verdone red carpet Festival del Cinema di Roma
Paola Cortellesi e Carlo Verdone

Durante l’incontro con il pubblico, i due attori hanno raccontato molto delle loro vite e del loro lavoro sul grande e piccolo schermo, toccando diversi temi di grande interesse. L’incontro si è aperto con Carlo e Paola che hanno confessato quali sono i loro film preferiti: La dolce vita di Federico Fellini per lui e Risate di gioia di Mario Monicelli per lei. Poi spazio a confessioni personali. I due artisti sono apprezzati soprattutto per il loro lavoro nella commedia, della quale Verdone ha detto: “Fare commedie dopotutto è scegliere di essere ottimisti, è sforzarsi di esserlo. La commedia è terapeutica, deve essere un’evasione intelligente, magari facendo anche critica di costume”. Entrambi, però, si sono cimentati anche in ruoli drammatici. Il regista lo ha fatto partecipando al film premio Oscar La grande bellezza, del quale ha detto: “La grande bellezza per me è stato ossigeno puro. Ero in una fase matura, in cui non dovevo imparare niente. Ammiro da sempre il lavoro di Sorrentino, anche da tempi non sospetti, volevo e vorrei fare un personaggio drammatico. Peccato che la signora del bar di ieri non era d’accordo, ‘Lei è il mio ansiolitico’ mi ha detto ‘è stato bravo nel film di Sorrentino, però basta, torni alla commedia”. Paola, invece, ha interpretato qualche anno fa il personaggio di Maria Montessori e, in merito ai ruoli drammatici, ha dichiarato: “Io scelgo i ruoli che mi emozionano, di sicuro girare una commedia è diverso da qualsiasi altro genere. Vedere che, durante le riprese, la troupe ride di gusto, fa provare una sensazione di appagamento molto particolare”.

Carlo Verdone sul red carpet Festa del Cinema di Roma
Carlo Verdone

L’attore, poi, parlando della collega, ha dichiarato: “Ho scoperto Paola guardandola in tv, sembra fragile, e invece è una che si butta e non ha paura di niente. Lavorare con lei è facile, tra noi si è subito creata una grande sintonia”. Verdone, invece, è da sempre un idolo per Paola: “L’ho scoperto a casa, rivedendo i suoi film con la famiglia, facevamo a gara per vedere chi ricordasse meglio le battute”. I due artisti hanno lavorato insieme nel 2014 nel film Sotto una buona stella, diretto proprio dall’attore e, sul Verdone regista, la Cortellesi ha detto: “Carlo regista è molto serio, scientifico e sa quello che vuole, però ti lascia anche spazio. A volte infatti si limita a dire ‘Paola ora fai tu’”. Mentre lui, parlando della loro collaborazione, ha confessato: “Con Paola è facile, ha questa naturalezza dell’arte che nasconde l’arte, e va col pilota automatico” . Un nuovo progetto insieme? Pare che i due artisti ci stiano già pensando, proprio come hanno dichiarato alla stampa durante un’intervista direttamente dal red carpet: “Stiamo pensando di lavorare ancora una volta insieme e lo faremo! Dobbiamo assolutamente farlo Carlo!” ha affermato la Cortellesi. I due attori hanno, inoltre, accolto con grande entusiasmo una proposta arrivata direttamente dalla giornalista che li ha intervistati, suggerendo loro di collaborare in qualcosa di musicale, considerando l’intonazione di Paola e le ottime doti da batterista di Carlo: “Che bello! Facciamolo! ” ha esclamato entusiasta la Cortellesi. Da qui è partito un simpatico scambio di battute tra i due che si sono dimostrati molto interessati all’idea. Per finire, poi, Verdone ha toccato anche temi d’attualità e, interpellato circa gli attuali problemi della sua città, Roma, ha dichiarato: “Questa città è come una bocca cariata. Se non vuoi l’attacco di piorrea bisogna metterla a posto il più presto possibile. Quindi è inutile che parliamo di Roma in termini di grande bellezza, questa città deve essere in preda alla manutenzione seria, altrimenti non va da nessuna parte e facciamo anche brutta figura con i turisti”.

LASCIA UN COMMENTO