Cinema news 2013Gente Vip oggi vi consiglia il film “Amiche da morire“,  una brillante black comedy che si stacca nettamente dalle commedie abitualmente prodotte in Italia e che vede l’esordio alla regia della giovane Giorgia Farina, neanche trentenne. La storia si svolge in una retrograda isoletta siciliana. Tre donne che non nutrono alcuna simpatia reciproca, devono far fronte insieme quando si consuma una tragedia e ci scappa il morto. Claudia Gerini interpreta una escort forestiera che esercita nel paesino, Cristiana Capotondi è una nativa dell’isola, moglie candida e imbranata, Sabrina Impacciatore è l’altra nativa mortificata nel look anni ’50 da una madre all’antica.

Amiche da morire al cinema con Claudia Gerini trama
Amiche da morire: Film commedia al cinema

Una sera si incrociano per diversi motivi in una caletta sulla spiaggia, scovano un rapinatore di banche e accidentalmente lo fanno fuori. 900 mila euro giacciono lì e non prenderli sarebbe un delitto non meno delittuoso del delitto vero. Il piano è semplice: nascondere il cadavere, aspettare qualche giorno prima di dividersi il malloppo e poi ognuna per la sua strada.
Le tre attrici dimostrano una certa bravura nel mantenersi coerenti con i loro personaggi in un territorio a metà tra il comico e il grottesco. Buon per loro che già all’origine quei personaggi fossero adeguatamente scritti dalla stessa Farina e da Fabio Bonifacci, calcandone il tratto come un film di genere richiede. Lo stesso Vinicio Marchioni, unico elemento maschile di rilievo, fa un ottimo lavoro nei panni dell’ispettore Malachìa che nutre sospetti sulle tre ma non quaglia.
Non da meno sono scenografia, fotografia e costumi. Amiche da morire rappresenta quel caso cinematografico in cui gli obiettivi preposti sono raggiunti, in cui tutto funziona a meraviglia e il pubblico assiste a qualcosa di originale. Mentre il cinema italiano guadagna una nuova firma autorevole, quella di Giorgia Farina.

LASCIA UN COMMENTO